È la seconda festa civile in Italia per importanza dopo il 25 aprile. Ma che cosa festeggiamo di preciso il 1°maggio festa dei lavoratori? Quali sono le sue radici storiche e che senso ha oggi la Festa?

Dipinto Il quarto stato https://www.analisidellopera.it/il-quarto-stato-pellizza-da-volpedo/

Le radici Storiche del 1° maggio festa dei lavoratori

Per trovare le radici del 1°maggio festa dei lavoratori, bisogna andare ai tempi della Rivoluzione industriale negli Stati uniti d’America. Nella seconda metà dell’ottocento vi furono frequenti manifestazioni per i diritti degli operai nelle fabbriche e in particolar modo fu approvata in Illinois la prima legge delle otto ore lavorative giornaliere. Legge che entrò in vigore il 1° maggio 1867.

foto pranzo sul grattacielo https://www.focus.it/cultura/curiosita/pranzo-su-un-grattacielo-i-segreti-di-una-foto-cult

10 anni dopo, in occasione di questa ricorrenza, fu organizzato uno sciopero generale ad oltranza per estendere la legge a tutto il territorio americano.

Le manifestazioni però nella città di Chicago sfociarono in una guerriglia contro le forze dell’ordine con, purtroppo, vittime da ambo le parti.

Nel 1887 fu emessa una sentenza contro 7 uomini per essere anarchici e furono tutti impiccati. L’allora presidente degli Stati Uniti D’America ritenne opportuno stabilire la data del 1° maggio per commemorare i sanguinosi episodi accaduti

La Notizia si estese a tutto il continente americano, per poi arrivare anche in Europa dove, a Parigi nel 1889 il giorno 1° maggio fi dichiarato ufficialmente come Festa nazionale dei lavoratori, e fu adottata in molti paesi del mondo.

https://it.wikipedia.org/wiki/Festa_dei_lavoratori

1° maggio festa dei lavoratori in Italia

In Italia il 1°maggio festa dei lavoratori fu ratificata due anni dopo, ma ci vollero ancora decenni di battaglie operaie per arrivare otto ore lavorative che verranno dichiarate legali solo con un Regio decreto legge nel 1923.

In questo particolare periodo storico il 1° maggio festa dei lavoratori assume un significato molto forte, la crisi economica e la pandemia hanno messo a dura prova lavoratori dipendenti e autonomi.

Non c’è certezza per il futuro e c’è rassegnazione per il presente.

Forse bisogna ripensare al ruolo del lavoro e dei lavoratori nel Paese, e creare nuove e più consapevoli economie per ripartire a ricostruire il nostro futuro e quello dei nostri figli.

Che il nostro 1° maggio sia con forza la festa dei lavoratori e del lavoro.

leggi anche https://www.bartolettialessandro.com/una-grande-famiglia/